Eros e Psyche

L’aspirazione all’unione eterna tra Eros e Psiche può essere letta come il bisogno dell’individuo di realizzare unità e integrità tra corpo ed anima. Dalla mitica favola si possono ricavare vari significati allegorici. Eros si unisce a Psiche (l’Anima) e le fa dono dell’immortalità. Ma non prima che Psiche abbia affrontato una serie di difficili prove. Perché Psiche è l’anima intellettiva, assetata di conoscenza, colei che accende il lume nella notte per vedere ciò che è nascosto. E’ la ragione che permette di decodificare il Caos (non a caso Eros era figlio di Caos). Ma attenzione, perché il tentativo di afferrare con la ragione Eros, può far sì che i due si separino irrimediabilmente…


Sole et luna

feb 15th, 2019 | scritto da
Sole et luna

La chiesa di San Pellegrino a Bominaco, situata a circa trenta chilometri da L’Aquila risale all’età altomedievale e nel XII secolo risulta annessa all’abbazia benedettina di San Pellegrino e Santa Maria.  All’interno dell’edificio a pianta quadrangolare si conservano interessanti affreschi duecenteschi, tra cui interessanti scene della Passione di Cristo: opere d’arte caratterizzate da uno stile ancora bizantineggiante che tuttavia evidenziano uno straordinario […]



Il giardino dell’amore

feb 15th, 2019 | scritto da
Il giardino dell’amore

Vengo da un castello lontano e sono arrivata fin qui per incontrare il monacus medicus che vive in questa abbazia. E’ lui la mia ultima speranza. Non mi rimane che affidarmi alle sue pozioni per salvare il mio matrimonio. Forse i suoi intrugli potranno guarire il mio sposo facendolo tornare a desiderarmi come una volta. […]



In Umbria sulle tracce di Iside

gen 31st, 2019 | scritto da
In Umbria sulle tracce di Iside

Uno scavo archeologico condotto in località Vittorina a Gubbio, nei primi anni ’80, sembra dimostrare la diffusione di culti orientali (in particolare di quello isiaco ) in questa zona impervia e montuosa del centro Italia, dove un tempo sorgeva l’antico centro umbro di Ikuvium, divenuto nel 82 a.C. municipio romano. Il ritrovamento di due interessanti […]



Meretrici e lavatrici di capeta

gen 7th, 2019 | scritto da
Meretrici e lavatrici di capeta

Con il termine lavatrice di capeta si indicava, in età comunale, quella che oggi definiremmo una parrucchiera per signori. Un mestiere di tutto rispetto, che tuttavia non era ben visto nella società di età medievale. Dall’analisi di un articolo dello Statuto del Comune del Popolo di Perugia si evince chiaramente che prendersi cura delle capigliature dei signori uomini […]



Erec et Enide. La dama con lo sparviero.

nov 11th, 2018 | scritto da
Erec et Enide. La dama con lo sparviero.

Il romanzo cavalleresco “Erec et Enide” fu scritto da Chretien de Troyes tra il 1160 e il 1172, quando il poeta e scrittore francese viveva a Troyes  alla corte della contessa Marie de Champagne, figlia di Eleonora d’Aquitania. Ripercorriamo la vicenda che vede protagonisti il prode cavaliere Erec, figlio di Lac, e la bellissima figlia […]



Sposi novelli di età comunale

mar 25th, 2018 | scritto da
Sposi novelli di età comunale

Con l’arrivo di Aprile si celebra la primavera. Lo stesso nome del mese (dal latino aperire ovvero aprire, far sbocciare) ci introduce a quel tempo astronomico dove la natura terrena rinasce, germogliando e poi fiorendo tra mille sfumature di colori. Le festività di Aprile nel calendario religioso di Roma antica erano in gran parte dedicate […]



L’amore scritto sul muro

nov 8th, 2016 | scritto da
L’amore scritto sul muro

Anno Domini 1553.  A Spello tutto era pronto per la Fiera delle Fantelle. Il tradizionale mercato si teneva puntualmente ogni otto novembre per la festa di San Claudio, il patrono degli scalpellini. All’esterno del santuario si vedevano molti mercanti sistemare la propria merce. C’era chi portava con sé il bestiame, chi i tessuti, chi i […]



Humanitas e magia

mag 16th, 2013 | scritto da
Humanitas e magia

E’ un’idea di vertigine, una sensazione fisica soprattutto, quella che nel suo epistolario Flaubert espresse alla lettura delle Metamorfosi di Apuleio, quasi fosse incapace di contenere in sé una materia tanto ricca e multiforme. Il favoloso intrecciarsi delle avventure di Lucio, il protagonista, sfugge ad una comprensione immediata proprio come l’esperienza vissuta, colta nel suo […]